Posts contrassegnato dai tag ‘socialismo’

Roger Liddle

In 2010 there existed widespread political consensus in the UK around the need to challenge the non-interventionist neo-liberal assumptions of the previous three decades: recently, with favourable growth figures, this agreement appears to have diminished. Labour needs to make every effort to revive this consensus, and take business with it, on what will be a long and difficult journey in changing Britain’s political economy

The Policy Network/IPPR symposium on the shortcomings of British capitalism comes at a very apposite time. The intensity of debate on Britain’s political economy tends to track the economic cycle. When there is recession, as in the manufacturing collapse of the early 80s, or the implosion of the Lawson boom in the early 1990s, the nation searches desperately for alternative models. As soon as there is recovery, the chattering class consensus in favour of reform evaporates and a false confidence takes hold, fostered naturally by the incumbent government of whatever party, that Britain can boast the most flexible, best performing economy in Europe, if not the developed world.

So why now trouble to ask difficult questions about the sustainability of recovery despite little evidence of the necessary “rebalancing” that the Coalition pledged itself to achieve in 2010? And why spend time in anxious deliberation of whether our political economy needs adjustment and whether it is possible to learn anything valuable from other countries, without falling into the trap of thinking we can adopt wholesale another country’s institutions or political and business culture?

Two articles in last weekend’s UK press elaborated on these themes. Janan Ganesh in Saturday’s Financial Times noted: “If economic events can create an overnight consensus in favour of Rhineland capitalism, then they can disrupt that consensus just as quickly.” He then reminded his readers of the fundamental, and still relevant, virtues of the Thatcherite settlement. “Suddenly the pathologies of the British model look more like advantages… It is often overlooked that the supply side reforms being undertaken at German insistence by the least competitive eurozone economies were completed in Britain a generation ago. What was, in the eyes of the continent, brutal liberalism is now unavoidable common sense for any country aspiring to prosper”. Ganesh’s conclusion is straightforward. Forget trying to adopt someone else’s model. Rather “accept the (by implication, the Thatcherite) fundamentals of your system and make pragmatic adjustments at the margins”.

Will Hutton in Sunday’s Observer accepted that the strength of the current recovery had made even him pause for thought: “what has surprised me is the pace of job growth …. there is a dimension to this recovery that represents a strength in the economy that is under examined and half-understood – a burgeoning network of high growth, innovative, knowledge intensive small or medium sized firms clustered in knowledge towns along the M40, M4 and M3 motorways within 30 miles of Heathrow”. He notes similar effects along the M23 around Gatwick, and the M11 taking in Stansted and Cambridge, and lesser effects around Manchester Airport and North Yorkshire near Leeds airport. Hutton believes that this new “nexus – technology rooted in great universities, innovative start-ups, and small firms with loans collateralised against rising house prices, internationalisation via our great airports, and all keyed into the buying power of locally sited multinational headquarters- is creating a new economy at a startling pace”. This could be said to represent the success of Thatcherite flexibility and openness, combined with the supply side successes of the New Labour years in their fostering of universities, research and the creative economy.

However overall, Hutton believes that outside these “hot-spots”, the economic position is much bleaker. The size of the current account deficit is the harbinger of a lack of sustainability in the recovery and the persistence of more fundamental economic problems. He concludes: “there is certainly a full-throated economic snap-back, but the British economic model still needs wholesale reform”.

More real engineering and less financial engineering

Before the optimism of recovery carries us totally away, it is worth reminding ourselves that, in the wake of the 2008 banking crisis, there was a remarkable political consensus behind the proposition that our political economy model required radical rethinking. Peter Mandelson as Business Secretary had challenged the non-interventionist neo-liberal assumptions of the previous three decades. His call for a bit more real engineering and a bit less financial engineering, encouraged by a more industrial activism on the part of government, struck a chord across the parties and in the business community.

George Osborne loudly proclaimed the object of his economic plan to be a rebalancing of the economy from public and private consumption to investment and exports, to a revival of manufacturing with a “march of the makers” and a correction of regional imbalances (with his support for HS2 a symbol of that commitment). At the same time Ed Miliband demanded a more “responsible capitalism”, making that ambition one of his distinguishing themes from New Labour – alongside his related commitment not to ignore, as New Labour allegedly had done, the growing problem of “inequality at the top”.

Of course in any consensus, there were always nuances of difference, but the following similarities of analysis appeared to be broadly shared.

First while the financial services sector must remain one of the UK’s greatest global competitive strengths, it is also a problem. On the one hand there are the big ‘sector specific’ issues ‒ weak regulation, bad organisational culture and taxpayer exposure to failure ‒ that much public policy effort has gone into addressing. On the other, there is the view that the workings of the City promote a short-termist business outlook throughout the corporate sector, without resolving the systemic market failure in the supply of finance to growing firms. Here action and progress has been much more tentative.

Secondly, British universities are global leaders in education and research. But there are serious weaknesses in innovation and skills, particularly in the supply of high grade apprentices and technicians that knowledge-intensive business needs. The government is to be congratulated on prioritising apprenticeships, but serious questions remain about their quality and whether they meet real employer needs. And when it comes to universities and research, because of ring-fenced spending priorities, the squeeze on future oriented Higher Education and research budgets will intensify, and immigration rules will stifle higher education’s potential to be a huge UK success as an overseas earner.

Thirdly, London’s success as a global city is to be celebrated. But as Vince Cable has put it, it increasingly acts as a “suction pump” draining talent from the rest of the British economy. A decade of regional investment under the previous government did much to transform the look of our provincial cities, but systemic weaknesses in self sustaining private sector-led growth remain to be addressed. The Regional Development Agencies may have had their flaws but the Coalition’s mix of LEPs and “city deals” fails to convince as a substitute when the differential impact of public spending cuts widens regional divides.

Fourthly, while there is little support for a return to the “lame duck” interventionism of the 1970s, the government has a responsibility to take a view of how best it can foster the country’s productive strength: the market cannot be the sole arbiter. The neo-liberal political voices against the very idea of a pro active state are currently weak.

Cross-party consensus on the shortcomings of British capitalism

This all suggests the continuing relevance of a substantive political agenda based round three big themes, on which it should be possible to sustain a cross party consensus and build a long term partnership between government and business:

• Corporate governance reforms to clarify the responsibility of Boards of directors to all stakeholders, not just shareholders; to foster and advantage long term shareholding; and to throw ‘grit in the wheels’ of mergers and takeovers.

• A radical shift to ‘fiscal federalism’ in England with cities able to borrow freely for infrastructure investment on their own account and with control over national budgets for skills, transport and employment fully devolved to city level.

• A re-engineering of Whitehall policy and practice, including how we evaluate public spending, in order to create a ‘developmental state’ in which the national priority would be spending programmes that enhance the country’s growth potential. Also partnerships between national government and business would set agreed long term industrial strategies for key sectors of the economy that would be less vulnerable to ad hoc ministerial intervention, for example in infrastructure, energy and renewables, rail transport or health care: all sectors where the state plays an inescapable role.

Labour’s broader critique

These would all be incremental reforms that would reform some of the weaknesses of the Thatcherite settlement. However Ed Miliband is mounting a broader critique of British market capitalism. By arguing that markets can no longer be relied upon to produce a broadly based prosperity where middle Britain shares fairly in the proceeds of economic growth, he is challenging what have been the working assumptions of at least the last three decades, and possibly the whole post war era.

Along with this, a powerful case is argued that inequality at the top continues to grow with little rational justification in terms of corporate performance or the global market for talent; and that as a society we need to think more deeply about how we structure our economy in order to secure more, better paid jobs and a less unequal distribution of the rewards of growth – the idea of ‘pre-distribution’ that Policy Network helped put on the map by bringing Professor Jacob Hacker to our Progressive Governance conference in Oslo in 2012.

These propositions deserve a fair hearing. Personally I would argue that it could be sound public policy to make the British labour market a little less flexible – for example through a higher minimum wage, a tougher approach to employer abuse of cross border migration, and possibly a return to statutory machinery for determining pay and conditions – and to promote higher level skills and productivity – in the modern version of what Churchill called (when he set up sectoral Wages Boards in the pre-First World War Liberal government) the “sweated trades”. Ironically the perception that Labour is institutionally and financially “in hock” to the trade unions, makes it more difficult to argue dispassionately for new initiatives such as these to help low paid workers.

As for higher taxes, I am no fan of a “50p top rate”: it does encourage avoidance and it is a disincentive to enterprise (though to what extent is debatable). But in the period when any government would have to eliminate the huge structural deficit in the public finances, and welfare cuts are already biting hard into the standard of living of those who have very little, as a temporary measure it is socially fair. Labour however should be bolder in setting out how it would tackle wealth, property and inheritance, the beneficiaries of which, in Joseph Chamberlain’s immortal biblical quote, often “neither toil not do they spin”.

Nor can business judge it unreasonable for Labour to draw attention to flaws in the functioning of particular markets, like retail energy, pay day lending and private pensions. It is the job of politicians to speak for the public, not the private interest.

Keeping business on board

What would however be a mistake for Labour would be to give any credence to the idea that markets, in general and as a matter of course, do not serve the consumer, or that big business is automatically an enemy of the ‘public interest’. Any trade unionist will testify that many big businesses in the private sector have provided far better pay and conditions than their small business competitors and are more responsible public citizens.

Also, although politicians are right to call for more competition where they believe there to be unacceptable monopoly, decisions about the structure of industries should not be made by ministers (unless circumstances are so extreme as there is thought a case for public ownership). One of the important Gordon Brown reforms of the new Labour governments was to take competition and market abuse decisions out of the hands of ministers and leave them to independent regulators. This is an important guarantee to business that arbitrary decisions will not be taken that otherwise will raise the cost of capital or deter future investment. Labour should be assertive in defending its record in this respect.

Changing Britain’s political economy

Labour’s strongest argument should be that the recovery does not appear to be addressing the long standing weaknesses of the British economy. There is little rebalancing. For the most part, we are seeing a classic British consumption and housing led boom. And it will not last, because a trade deficit of the current size is not sustainable in the long term. However the weaknesses in British political economy, that at times all parties have accepted, cannot be addressed in sound bites – and they will take several Parliaments before positive results begin to show. In arguing for fundamental changes, Labour needs to build on the consensus that existed in 2010. It needs to make every effort to take business with it, on what will be a long and difficult journey in changing Britain’s political economy.

Roger Liddle is Chair of Policy Network and a Labour peer

The Policy Network/IPPR conference on “A New Political Economy for Britain” takes place on 30 January.

Annunci

Ci sono tre aspetti  che possono costituire altrettanti spunti per discutere del tema  “cosa sia un programma riformista oggi”.

Il primo aspetto riguarda la “determinazione” di cosa si possa indicare come riformismo.
Il secondo aspetto riguarda la questione se esso sia effettivamente necessario o meno e quali ne siano eventualmente i soggetti sociali
Il terso aspetto riguarda il contesto politico.

1. Si deve partire da un’osservazione empirica ma non eludibile che esemplifico con una battuta per evidenziare il paradosso che discende dalla mancata risposta al primo dei tre aspetti: non ci sono mai stati così tanti astenuti in Italia da quando il “riformismo” è divenuto egemone in tutto l’arco delle forze politiche.
Fino agli anni Ottanta compresi, essere riformisti era un insulto, equivaleva a dare dell’opportunista, a denunciare una mancanza di autentica chiarezza ideologica, a indicare una spregiudicata disponibilità al compromesso. Essere riformisti significava “essere tutto per non dover essere niente”, se non al ministero.
Questa opinione generale anti-riformista non è una novità del dopoguerra. Il primo “riformista” della storia italiana, come è noto, è Filippo Turati che, in una lettera del 1913 a Luigi Einaudi ( liberale e socialista, editorialista economico del Correre della Sera e da dieci anni collaboratore della rivista del vecchio fondatore del PSI, Critica Sociale) il quale gli chiedeva di sostenere nel Partito socialista l’abolizione dei dazi all’interno del mercato nazionale per non strozzare l’agricoltura, (allora forse ancora prima settore economico, che del regime dei dazi soffriva), gli rivelava che avrebbe cercato sì di farsene parte in causa, ma senza garantire nulla, poiché ormai la sua posizione era definita nel PSI – cito – “col nomignolo di riformista”, facendone dunque qualcosa di parziale rispetto ala qualifica di “socialista” senza aggettivi a cui Turati, forse a buon diritto ma sbagliando, avrebbe voluto essere considerato. Tuttavia vista la piega massimalista e rivoluzionaria che il PSI aveva assunto, “si acconciava ad accettarla e a fare una posizione”.

Sin dalle sue origini essere “riformista” è stato un insulto.
Lo stesso successe a Craxi dopo il congresso di Palermo dell’ 80 quando modificò il nome della corrente nenniana da “autonomista in “riformista”, appunto, per andare oltre una analisi puramente “metrica” della distanza nei rapporti col Pci, ma per definire la qualità  della distinzione tra movimento comunista e movimento socialsta, indicandone l’origine nella scissione del movimento europeo di democrazia risorgimentale di cui i “riformisti “ di Turati – come disse perfettamente Benedetto Croce – erano gli ultimi coerenti eredi, senza quasi rendersene conto, prima ancora di essere “socialisti” come si intendeva il termine dopo il 1917 e come loro stessi nonostante tutto continuavano a rivendicarlo per sè.

Tutto questo, che può sembrare una cavilloseria filologica. Viceversa fa ancor più risaltare, il paradosso politico  italiano di oggi: scomparso il PSI – dove gli unici rifornisti erano presenti e quasi sempre in posizione di minoranza – da quel momento (primi anni ’90) tutto l’arco politico italiano ( e persino, non senza comicità, alcuni organi dello Stato come la magistratura) si dichiarano orgogliosamente “riformisti”.
Non c’è mai stata  nella storia politica italiana un’ auto-comprensione di sé come “riformista” da parte dei movimenti cattolici (salvo i “riformati” di Lutero qualche secolo prima, ma che con l’Italia c’entrano poco)) o da parte liberale, tantomeno da parte della destra. Figuriamoci da chi ha vissuto, ed ormai ha alle spalle, la storia comunista. 
Di colpo invece tutti fanno a gara per distinguersi in “ riformismo”.
Molto bene, si dirà. La morte del seme ha fatto germogliare la pianta.
Purtroppo  da quel momento, ovvero all’apice del successo universale del “riformismo senza se e senza ma”, gli elettori progressivamente abbandonano le urne, fino al dato macroscopico ultimo del 25 per cento di astenuti, più il 25 per cento a Grillo, che fanno dei partiti che rivendicano entrambi il primato “riformista”, nemmeno la metà dell’elettorato italiano, per giunta non vedendo essi  l’ora di “bipolarizzarsi”, ovvero di  dimezzare il “riformismo” residuo su opposti  schieramenti.

E’ evidente, anche se la cosa fa sorridere per come si è messa,  che non si capisce cosa sia oggi tanto riformismo. Esso deve avere quindi una sua “determinazione” per la quale non è sufficiente il richiamo al “cambiamento”.

Anzi propongo di definire il riformismo a partire da ciò che intende conservare.  Almeno capiremo su quali radici valoriali e storico-politiche intende poggiare il passo del cambiamento, qual è la sua identità, non di partito necessariamente, ma di civiltà di riferimento e dunque che orizzonte offre chi se ne vuol fare portavoce o interprete.

2. Di qui si finisce al secondo aspetto: é davvero necessario il riformismo, quali sono i soggetti del riformismo?
Purtroppo siamo fermi, in proposito, alla Conferenza di Rimini del 1982 e ail’ alleanza tra  “meriti e bisogni”.  Altra definizione così precisa di cosa si intenda per riformismo in oltre vent’anni non ne ho lette. Il concetto di “Merito” e di “Bisogno” per definire i soggetti del riformismo moderno, rompe lo schema classista (presente anche nel riformismo delle origini) e introduce un vocabolario “etico” nel linguaggio della soggettività sociale e perciò nel linguaggio politico.
Non si tratta di sentimentalismo, né di psicanalisi. Non si parla di “poveri” e “ricchi”, né di una loro “alleanza” fondata sulla carità (di origine liberale) per una redistribuzione della ricchezza (di natura socialdemocratica). Si è fatta un’operazione che ha affascinato molti, ma che non tutti hanno compreso a fondo: Craxi e Martelli, con Proudhon e la Conferenza di Rimini, destrutturano lo schema “ossificato” (così lo chiamano) dell’analisi di classe e guardano non al risultato, cioè alla fotografia della società, ma ai suoi vettori, alle sue funzioni direttrici, verso l’alto e verso il basso. Fanno un’analisi dinamica che permette di dare un ‘indirizzo all’azione politica che anticipa, ripeto che anticipa, il cambiamento perché lo definisce prima. E lo può fare perché poggia non sull’analisi delle classi, ma su una base di valori che permette di cercare nella realtà sociale l’intenzione riformista.
Come è stata possibile questa innovazione metodologica in una leadership politica? Perché non è nata in un college, ma in un partito? A mio parere perché l’ancorarsi alla democrazia risorgimentale  di forte impronta idealistica, ha permesso di derogare all’ortodossia marxista (Mazzini definiva il socialismo di Marx una scissione del movimento democratico europeo) e di entrare senza complessi di inferiorità nell’interclassismo (dal punto di vista marxista) secondo un punto di vista nazional-democratico e “repubblicano” che per la prima e forse unica volta in Italia (in Gran Bretagna Blair ha fatto lo stesso dieci o più anni dopo) per porre in primo piano le dinamiche e non le stratificazioni geologiche appartenenza sociali (che diventa ideologia, non cultura). 
Per esemplificare ancora con un paradosso: dal punto di vista del manifesto riformista dei “meriti e bisogni” (che per intenderci si allontana metodologicamente dal pur prezioso lavoro di Silos Labini sulle classi sociali in Italia) il merito potrebbe cadere in determinati casi sul lavoratore o sul giovane privo di opportunità, se posto in grado di sviluppare appieno le proprie facoltà personali (e sociali). Al contempo, il “bisogno” potrebbe cadere sulle spalle dell’imprenditore che si trova al termine di un ciclo, ad esempio commerciale, che ne rende superati “i mezzi di produzione”. Non c’è confine classista. C’è amore di patria e lo si presuppone utile a tutti.
Il lavoratore o il giovane saranno i nuovi soggetti dell’innovazione che i vecchi mezzi di produzione richiedono, in un’alleanza che darà al bisogno dell’imprenditore la forza che sopraggiunge dal merito e questo a sua volta trarrà un’opportunità dalla necessità di ricomporre la distanza dal bisogno. 
In questo quadro il tema dell eguaglianza nel riformismo torna centrale: essa non una fotocopia delle dichiarazioni dei redditi, ma una posizione di partenza che solo lo Stato (delle cui forme più adeguate è finalmente possibile discutere, perché così abbiamo il bandolo della matassa, il senso) deve assolutamente garantire, per l’accesso alle opportunità. Chi non ce la fa non è abbandonato, ma rimesso in gioco con una nuova chances (Rocard).
Per inciso tutto questo pensiero è nato nel sud europa, non nel nord, nemmeno in Svezia. Lì vige la redistribuzione della ricchezza  e dunque uno modello di Stato adatto a quello scopo, diciamo con un intervento politico sui rapporti sociali. Qui invece  prevale la diffusione del reddito e dunque un modello di Stato che svolge un ruolo di volano, di avviamento.
Se così inteso, per concludere questo secondo punto, il riformismo serve e servirà sempre e il suo soggetto non è questo o quel settore di riferimento sociale, ma la nazione. (Italia oggi. Europa, lo avremmo desiderato)

3. Il contesto politico. L’Europa entra a gamba tesa, è in primo piano. Le prossime elezioni europee probabilmente saranno le più importanti elezioni politiche del dopoguerra.  Ma non per i rapporti nel quadro politico italiano che determineranno, quanto per la ripresa di iniziativa politica italiana, misureranno la sua capacità di reazione e la forza politica dell’intero paese. La posta in gioco è la definitiva cancellazione o meno dell’Italia  dall’agenda politica (o meglio, di potere) del Vecchio Continente. E per estensione, saranno elezioni che decideranno se la civiltà Europea – di millenaria tradizione –  sarà destinata a scomparire o se avrà ancora vigore nel mondo.

Il riformismo, in questo caso, è la vera cifra dello scontro. Perché è al centro di una scelta di civiltà paradossalmente al bivio tra due opzioni entrambe sorte in occidente.
Il progresso tecnico-scientifico che unifica il mondo o la  persona umana che unifica il mondo?
Quali delle due visioni avrà il sopravvento?
L’attuale contesto politico è a favore della prima delle due visioni.
Ma la previsione della seconda è che questa opzione porterà non a unire ma a dividere, prima, e ad emarginare, poi, l’Europa. E dentro l’Europa c’è l’Italia e il Mediterraneo.
Camus vedeva l’Europa come un luogo unico al mondo in cui per il sorgere a Sud della sua civiltà umanistica, l’uomo greco-latino, l’uomo repubblicano, vedeva il cielo e sapeva che gli sarebbe sopravvissuto. Aveva cioè il senso innato del proprio limite, da cui, nella sua provvisoria attualità, avvertiva la necessità del senso della misura, del modus.
Mai avrebbe pensato ad una civiltà che avrebbe per sempre sconfitto dolore e morte, Anche noi consapevoli delle potenzialità dell’intelletto, vi possiamo scorgere il bene comune. Non come  qualcosa da distribuire, ma come modalità  di relazione, il modus dell’intelletto che comprende la misura sociale possibile nei  limiti storici dati. Questo punto di vista sul progresso colloca il riformismo come motore del suo movimento perpetuo che da la misura tra ciò che deve essere conservato e ciò che è utile innovare. 
L’alleanza, appunto tra Meriti e Bisogni. Noi diremmo in una formula politica tra socialismo e libertà,  la solidarietà di chi sa che essere fortunato o sfortunato è in generale una  condizione provvisorie cui la Storia va oltre, ma a cui la politica della associazione nella libertà, il liberalsocialismo o socialismo repubblicano, può dare il maggior equilibrio possibile, la giusta misura  ed indirizzare oltre  i singoli destini anonimi il segno storico della loro sapienza comune.
L’Europa riformista – in tal senso –  ha un valore innanzitutto morale.
Il “futuro della  civiltà europea” (che è il titolo della conversazione ad Atene nel 1955  di Albert Camus di cui ricorre il centenario della nascita) è il contesto politico dentro cui si giocherà il riformismo che la civiltà tecnico.scientifico-amministrativa, o della “governamentalità” come la chiamava Foucault, non ha affatto necessità di averlo tra i piedi, perché già monopolizza l’ideologia del progresso. La questione purtroppo, è che tra i piedi, con il riformismo, ci siamo noi stessi.




 

CS2013_Cover_Layout 1

Grazie a una sottoscrizione straordinaria di amici e simpatizzanti siamo riusciti a completare il lavoro di quest’anno, a stampare il giornale e ad inviarlo agli abbonati (che lo riceveranno a casa nei prossimi giorni). Tutto questo, in un quadro caratterizzato dalla crisi e dalla chiusura di numerose testate giornalistiche cartacee e web. Da parte nostra, non rinunceremo né alla carta né al web.
A questo scopo stiamo preparando la documentazione per costituire la fondazione “Istituto di Studi di Critica Sociale”, che avrà una sede affiliata in ogni capoluogo di provincia. Il progetto verrà illustrato nei dettagli nel corso delle prime settimane del 2014.
Cliccando sull’immagine di copertina si accede al sommario generale dell’anno, mentre di seguito segnaliamo una selezione di articoli tratti dai numeri pubblicati nel corso del 2013. Numeri che trattano svariate tematiche: la storia e la crisi della Seconda Repubblica, la riforma costituzionale, il declino economico, politico e culturale dell’Unione Europea, la riscoperta dell’eredità del “vero centro-sinistra italiano” degli anni sessanta e le proposte per rilanciare, nelle condizioni attuali, una genuina ed efficace azione riformista in Italia e in Europa.

Da un’intervista a Linkiesta

“Il popolo va istruito, deve andare a scuola. Non va lasciato ignorante. Altrimenti la democrazia rimane limitata al solo rito elettorale, che risulta sempre più scarno, vuoto. Il controllo democratico deve essere esercitato tutti i giorni, e da tutti”.

“Spesso capita che le istituzioni, nella storia, siano entrate in crisi. E Napolitano, che è nelle istituzioni – con tutta la sua cultura, le sue visioni, la sua storia – cerchi o meno un modo per salvarle. E io penso che lo cerchi. Ma le istituzioni entrano in crisi quando hanno perso l’animo popolare.

Cioè?
Quando il popolo non le sente più come valori, come organismi sacri. E questo è normale, quando la desacralizzazione degli ultimi vent’anni ha toccato tutto, perfino la Chiesa. Si figuri allora le istituzioni della Repubblica.

E di chi è la colpa di questa desacralizzazione?
La colpa? Della sbornia della fine degli anni ’80 e dell’inizio degli anni ’90. Ognuno, prima di dire se quello è o non è di destra o di sinistra, si faccia un esame di coscienza, e si chieda: dov’ero io, cosa facevo, tra il ’90 e il ’94? Le cose che dicevo, si sono rivelate giuste o sbagliate?

Ma perché?
Solo un esame di coscienza può restituire l’istituzione al popolo (senza, si aprono le strade a movimenti plebeo-insurrezionalisti, o aristocratico-dittatoriali). E soprattutto, si rende, una volta per tutte, questo dibattito trasparente, e non si parla più di destra e sinistra in modo ozioso. Perché vede, il punto è qui: adesso sembra che nessuno, in quegli anni, stesse con Di Pietro. Ma Di Pietro, stando a come si stava allora, oggi dovrebbe essere il capo assoluto di tutto, oppure del tutto espulso dal sistema politico.

Direi che è a metà.
Sì, sta a metà, ma perché stanno a metà tutti, vede? Questo è il problema. Uno dei tanti mali dell’arci-italiano: confida nel fatto che tutti dimenticano. E la mancanza di memoria provoca questi dibattiti surreali, tra destra e sinistra, tra Scalfari, De Benedetti, Zagrebelsky ed Ezio Mauro, quando il problema è un altro. E ci si confonde. Ma non solo.

Bologna tappezzata di garofani rossi su manifesti affissi in tutta la città. La firma è del Partito democratico. E’ un primo miracolo della vittoria al primo turno di Francois Hollande, portatore di un programma alternativo alla linea che guida la politica economica europea a cui il medesimo PD dà sostegno in Italia. Non saranno pochi, immaginiamo, i maldipancia tra i militanti bolognesi. Ma i miracoli, si sa, superano le leggi della scienza medica. Ma anche di quella della finanza a cui la democrazia è stata sottomessa. E’ un miracolo socialista, una pentecoste su chi ha dato del “trasformista” a Tremonti? Vedremo. In ogni caso il tappo sta per saltare.

Perchè Bersani non riprende l’iniziativa dell’Unione del Pd bolognese e la esporta in tutta Italia? Forse il “socialismo” deve rimanere chiuso nel perimetro emiliano per paura della Bindi. Lo esportasse allora nella vicina Toscana, per rispetto almento dell’alleato Nencini.

20120426-021028.jpg

Paese deve essere informato. E’ il momento della verità sulla rottura nel Governo”. Nell’ appello rivolto lo scorso novembre con una lettera aperta sul Riformista e sulla Critica Sociale, Rino Formica e Emanuele Macaluso chiedevano al ministro Tremonti di rendere manifesti i motivi del dissidio nell’esecutivo che di li a poco ne determinano la crisi, cui segue la nascita del governo “tecnico” di Mario Monti.

Sia dall’ analisi del libro “Uscita di Sicurezza”, sia da ripetute dichiarazioni rese dall’ex ministro nei dibatti e nelle interviste dei mesi successivi, le ragioni di quel dissidio e della crisi sono state continuamente chiarite: la pretesa “frustata” per la crescita a discapito del Bilancio, per finire – al contrario – a “scrivere i compiti” per i mercati dopo la celebre lettera della BCE, in posizione di subordinazione al “direttorio” franco-tedesco e alla politica monetarista e recessiva della Merkel.

Ora l’auspicio di un “vento nuovo” che se confermato nel ballottaggio presidenziale a favore del socialista Hollande, si spera porti ad un riequilibrio dei rapporti tra democrazia e finanza in Europa, oggi a svantaggio della prima e a solo vantaggio della speculazione.

Ma a differenza di quando si mossero Casini, Fini e persino Cesa, a sinistra stavolta non si plaude, anzi. La posizione “socialista” di Tremonti incontra diffidenza e imbarazzi. C’è qualcosa di profondo: di socialismo non si vuol neppure sentire parlare. Non si tratta del timore di un nuovo soggetto ancora “in mente Dei”, ma della paura che un’idea che vive ancora nella pancia del Paese, possa fuoriuscire all’improvviso alla luce del sole se le si toglie il tappo.

“La probabile vittoria di Hollande nel ballottaggio del 6 maggio – dice Rino Formica – ci potrebbe dire due cose: il socialismo in Europa non è un “cane morto”; il socialismo puòguidare l’Europa dei popoli che si oppongono alla dittatura del mercato eall’eutanasia sociale.
In Italia il PD non può fregiarsi della vittoria socialista, perchè è nato con forza antisocialista, post-comunista e giustizialista.
Inoltre il PD non può sposare la iniziativa di Hollande nel rinegoziare il “fiscal-contract” perchè ha assunto il ruolo di guardia di ferro di Monti-Draghi-Merkel.
Il Pdl non può gioire della vittoria socialista, ma può godere della riscossa europeista di Hollande.
Dopo venti anni di declino politico e sociale la distruzione dei socialisti sta producendo gli ultimi miracoli italiani: una destra più sociale della sinistra, ed una sinistra più antisocialista della destra”.

(da Avanti! a cura di Critica Sociale)

20120424-234424.jpg