Posts contrassegnato dai tag ‘putin’

In Cold War Echo, Obama Strategy Writes Off Putin

WASHINGTON — Even as the crisis in Ukraine continues to defy easy resolution, President Obama and his national security team are looking beyond the immediate conflict to forge a new long-term approach to Russia that applies an updated version of the Cold War strategy of containment.

Just as the United States resolved in the aftermath of World War II to counter the Soviet Union and its global ambitions, Mr. Obama is focused on isolating President Vladimir V. Putin’s Russia by cutting off its economic and political ties to the outside world, limiting its expansionist ambitions in its own neighborhood and effectively making it a pariah state.

Mr. Obama has concluded that even if there is a resolution to the current standoff over Crimea and eastern Ukraine, he will never have a constructive relationship with Mr. Putin, aides said. As a result, Mr. Obama will spend his final two and a half years in office trying to minimize the disruption Mr. Putin can cause, preserve whatever marginal cooperation can be saved and otherwise ignore the master of the Kremlin in favor of other foreign policy areas where progress remains possible.
“That is the strategy we ought to be pursuing,” said Ivo H. Daalder, formerly Mr. Obama’s ambassador to NATO and now president of the Chicago Council on Global Affairs. “If you just stand there, be confident and raise the cost gradually and increasingly to Russia, that doesn’t solve your Crimea problem and it probably doesn’t solve your eastern Ukraine problem. But it may solve your Russia problem.”

The manifestation of this thinking can be seen in Mr. Obama’s pending choice for the next ambassador to Moscow. While not officially final, the White House is preparing to nominate John F. Tefft, a career diplomat who previously served as ambassador to Ukraine, Georgia and Lithuania.

When the search began months ago, administration officials were leery of sending Mr. Tefft because of concern that his experience in former Soviet republics that have flouted Moscow’s influence would irritate Russia. Now, officials said, there is no reluctance to offend the Kremlin.

In effect, Mr. Obama is retrofitting for a new age the approach to Moscow that was first set out by the diplomat George F. Kennan in 1947 and that dominated American strategy through the fall of the Soviet Union. The administration’s priority is to hold together an international consensus against Russia, including even China, its longtime supporter on the United Nations Security Council.

While Mr. Obama’s long-term approach takes shape, though, a quiet debate has roiled his administration over how far to go in the short term. So far, economic advisers and White House aides urging a measured approach have won out, prevailing upon a cautious president to take one incremental step at a time out of fear of getting too far ahead of skittish Europeans and risking damage to still-fragile economies on both sides of the Atlantic.

The White House has prepared another list of Russian figures and institutions to sanction in the next few days if Moscow does not follow through on an agreement sealed in Geneva on Thursday to defuse the crisis, as Obama aides anticipate. But the president will not extend the punitive measures to whole sectors of the Russian economy, as some administration officials prefer, absent a dramatic escalation.

Continue reading the main story
The more hawkish faction in the State and Defense Departments has grown increasingly frustrated, privately worrying that Mr. Obama has come across as weak and unintentionally sent the message that he has written off Crimea after Russia’s annexation. They have pressed for faster and more expansive sanctions, only to wait while memos sit in the White House without action. Mr. Obama has not even imposed sanctions on a list of Russian human rights violators waiting for approval since last winter.

“They’re playing us,” Senator Bob Corker of Tennessee, the ranking Republican on the Foreign Relations Committee, said of the Russians, expressing a sentiment that is also shared by some inside the Obama administration. “We continue to watch what they’re doing and try to respond to that,” he said on CNN on Friday. “But it seems that in doing so, we create a policy that’s always a day late and a dollar short.”

The prevailing view in the West Wing, though, is that while Mr. Putin seems for now to be enjoying the glow of success, he will eventually discover how much economic harm he has brought on his country. Mr. Obama’s aides noted the fall of the Russian stock market and the ruble, capital flight from the country and the increasing reluctance of foreign investors to expand dealings in Russia.

They argued that while American and European sanctions have not yet targeted wide parts of the Russian economy, they have sent a message to international businesses, and that just the threat of broader measures has produced a chilling effect. If the Russian economy suffers over the long term, senior American officials said, then Mr. Putin’s implicit compact with the Russian public promising growth for political control could be sundered.

That may not happen quickly, however, and in the meantime, Mr. Obama seems intent on not letting Russia dominate his presidency. While Mr. Obama spends a lot of time on the Ukraine crisis, it does not seem to absorb him. Speaking privately with visitors, he is more likely to bring up topics like health care and the Republicans in Congress than Mr. Putin. Ukraine, he tells people, is not a major concern for most Americans, who are focused on the economy and other issues closer to home.

Since returning from a trip to Europe last month, Mr. Obama has concentrated his public schedule around issues like job training and the minimum wage. Even after his diplomatic team reached the Geneva agreement to de-escalate the crisis last week, Mr. Obama headed to the White House briefing room not to talk about that but to hail new enrollment numbers he said validated his health care program.

Reporters asked about Ukraine anyway, as he knew they would, and he expressed skepticism about the prospects of the Geneva accord that his secretary of state, John Kerry, had just brokered. But when a reporter turned the subject back to health care, Mr. Obama happily exclaimed, “Yeah, let’s talk about that.”

That represents a remarkable turnaround from the start of Mr. Obama’s presidency, when he nursed dreams of forging a new partnership with Russia. Now the question is how much of the relationship can be saved. Mr. Obama helped Russia gain admission to the World Trade Organization; now he is working to limit its access to external financial markets.

But the two sides have not completely cut off ties. American troops and equipment are still traveling through Russian territory en route to and from Afghanistan. Astronauts from the two countries are currently in orbit together at the International Space Station, supplied by Russian rockets. A joint program decommissioning old Russian weapons systems has not been curtailed.
Nuclear inspections under the New Start arms control treaty Mr. Obama signed in his first term continue. The Air Force still relies on rockets with Russian-made engines to launch military satellites into space, although it is reviewing that. The United States has not moved to try to push Russia out of the W.T.O. And the Obama administration is still working with Russia on disarming Syria’s chemical weapons and negotiating a deal with Iran to curtail its nuclear program.

“You can’t isolate everything from a general worsening of the relationship and the rhetoric,” said Graham Allison, director of the Belfer Center for Science and International Affairs at Harvard University and an adviser to multiple administrations on Russia and defense policy. “But there’s still very high priority business that we have to try to do with Russia.”

Still, the relationship cannot return to normal either, even if the Ukraine situation is settled soon, specialists said. “There’s really been a sea change not only here but in much of Europe about Russia,” said Robert Nurick, a Russia expert at the Atlantic Council. “A lot of the old assumptions about what we were doing and where we were going and what was possible are gone, and will stay that way as long as Putin’s there.”

Mr. Nurick said discussion had already begun inside the administration about where and under what conditions the United States might engage with Russia in the future. “But I can’t imagine this administration expending a lot of political capital on this relationship except to manage it so that the other things they care about a lot more than Russia are not injured too badly,” he said.

Annunci

CRIMEA, ARRIVANO LE SANZIONI

Images

Dopo meno di 24 ore dal referendum che ha sancito la secessione della penisola da Kiev, Usa e Ue fanno scattare le prime sanzioni nei confronti di Mosca. Nel mirino finiscono i «fedelissimi» di Putin, militari e politici (russi e ucraini) che avrebbero lavorato per riportare la Crimea sotto il controllo russo.

Le liste Gli elenchi stilati da Usa e Ue sono diversi. Undici i nomi compresi nell’elenco americano, 21 in quello europeo (vedi elenco)
Le sanzioni Barack Obama ha spiegato che «contro Mosca è calato l’isolamento internazionale», che «nessuno riconosce il referendum in Crimea» e che le sanzioni decise sono «le più ampie e complete misure applicate contro la Russia, dopo la fine della Guerra Fredda». In realtà Usa e Ue per ora si sono limitati a congelare i beni e a bloccare i visti. Non solo, ma le misure non colpiscono né politici di spicco, né grandi oligarchi.

Qui Putin Per tutta il risposta il presidente russo ha firmato il decreto che riconosce la Crimea come Stato indipendente (Bbc). Ma, secondo il presidente di turno dell’Osce, lo svizzero Didier Burkhalter, avrebbe anche dato un via libera di massima per una missione di osservatori dell’Organizzazione nella penisola. Un segnale che sembrerebbe lasciare aperta una soluzione diplomatica della crisi.

Minacce Gli Usa fanno sapere che presto potrebbero arrivare altre sanzioni, la Francia starebbe valutando l’annullamento della fornitura alla Marina russa delle portaelicotteri di classe “Mistral”. Anche il Giappone annuncia un pacchetto di sanzioni contro la Russia.

Business is business E mentre i governi occidentali provano a fermare l’avanzata di Putin, gli affari proseguono. I russi di Rosneft hanno investito 500 milioni per il controllo del 13% di Pirelli (Repubblica), mentre la tedesca RWE ha chiuso un accordo per cedere la sua controllata DEA (attiva nel settore degli idrocarburi) al magnate russo Mikhail Fridman (Reuters).

Di Ignazio Ingrao (Aspenia)

L’udienza concessa il 25 novembre scorso da Papa Francesco al presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, conferma e rende esplicita una delle direttrici di azione del nuovo pontificato che si stanno già delineando in questi primi mesi. Vale a dire un’attenzione significativa a Est, partendo dalla Russia fino all’Estremo Oriente, e una cura particolare nel dialogo con il mondo ortodosso.

L’udienza al presidente Putin registra tre elementi indubbiamente positivi per la diplomazia della Santa Sede ma, allo stesso tempo, anche tre fattori di criticità. I tre elementi positivi sono: il proporsi della Santa Sede come soggetto protagonista nel contesto multipolare delle relazioni internazionali; l’asse con la Russia nella difesa dei cristiani nel mondo a partire dal Medio Oriente; la costruzione delle premesse per l’atteso incontro tra il Papa e il Patriarca di Mosca, Kirill. I tre fattori di criticità sono: la grave questione del rispetto dei diritti umani in Russia che pesa nel dialogo con la Santa Sede; l’eventuale reazione degli Stati Uniti a questa legittimazione forte della leadership di Putin da parte del Vaticano; l’irritazione delle Chiese ortodosse greche che continuano a veder crescere il ruolo internazionale del Patriarca Kirill anche nei rapporti con la Chiesa cattolica.

Proviamo ad esaminare questi sei punti. Cominciamo dal multipolarismo. Dopo il ruolo centrale giocato dalla diplomazia della Santa Sede fino alla morte di Wojtyla, nel corso del papato di Benedetto XVI si è registrato un significativo appannamento. Sono diverse le ragioni che spiegano questa perdita di incisività della diplomazia vaticana dal 2005. Tra i fattori decisivi ci sono senza dubbio le drammatiche difficoltà incontrate all’inizio del pontificato di Benedetto XVI nei rapporti con l’Islam dopo la crisi seguita al discorso di Ratisbona nel 2006, e il fatto che Ratzinger aveva scelto un Segretario di Stato senza esperienza diplomatica, il cardinale Tarcisio Bertone. Il collegio dei cardinali, nel corso dell’ultimo conclave, ha dato mandato al nuovo pontefice di impegnarsi a ridare smalto e incisività all’azione internazionale vaticana. Per questa ragione Bergoglio ha scelto come nuovo Segretario di Stato monsignor Pietro Parolin, già sottosegretario per i rapporti con gli Stati, che può vantare una solida e apprezzata esperienza diplomatica. Il progetto è quello di ricalcare le orme della più prestigiosa storia delle relazioni internazionali della Santa Sede in una prospettiva multipolare.

Come ha riconosciuto lo stesso Parolin nelle prime interviste, si tratta di un obiettivo più ambizioso e complesso rispetto al passato quando il mondo era diviso in due o tutt’al più tre blocchi contrapposti (Est, Ovest e movimento dei Paesi non allineati). Questa complessità si riflette nella lettera che il Papa ha inviato al presidente Putin già il 4 settembre 2013 in occasione del Vertice del G20 a San Pietroburgo. In quella lettera, volta anzitutto a scongiurare un possibile intervento armato in Siria guidato dagli Stati Uniti, il pontefice elencava l’agenda dei principali temi da affrontare in seno alla comunità internazionale: la riforma della finanza internazionale, uno sviluppo economico equo per tutti, la pace e la difesa dei diritti umani, la giustizia. In tale prospettiva, la Russia risulta essere un partner naturale del Vaticano, proprio peché caratterizza la sua azione diplomatica in prospettiva multipolare (seppure in chiave spesso antiamericana, a differenza del Vaticano).

Il secondo elemento positivo dell’incontro di Bergoglio con Putin risiede nel comune impegno a difendere i cristiani minacciati, soprattutto in Medio Oriente. Due vescovi siriani e un sacerdote cattolico italiano (padre Paolo Dall’Oglio) sono stati rapiti in Siria; la Russia ha messo a disposizione la sua intelligence per ritrovarli e sta seguendo le trattative con i rapitori. E proprio da Mosca sono giunti alcuni tra gli appelli più forti e decisi in seno alla comunità internazionale per la protezione dei cristiani, non solo in Medio Oriente dove la Russia è molto attiva e presente, ma anche in Pakistan e in Nigeria. Due Paesi che vedono Putin meno coinvolto direttamente ma che il presidente ha richiamato più volte come luoghi dove i cristiani sono in pericolo e perciò hanno bisogno di essere più efficacemente protetti.

Il terzo elemento positivo va infine nella direzione di costruire i presupposti per un’incontro tra il Papa e il patriarca di Mosca Kirill, per cancellare secoli di diffidenze e paure reciproche. L’incontro di Bergoglio prima con il metropolita Hilarion, che segue le “relazioni esterne” del patriarcato di Mosca, e poi con il presidente Putin, va in questa direzione. E’ ancora presto per prevedere i tempi dell’incontro tra Francesco e Kirill, E per la Santa Sede è più semplice compiere questo passo mentre per la Chiesa russa la situazione è più delicata. Il patriarca Kirill si appresterà a farlo quando sarà certo di poter controllare e attutire i contraccolpi all’interno della Chiesa di Mosca da parte di coloro che ancora si oppongono al dialogo con la Chiesa cattolica.

I fattori di criticità che pesano nei rapporti con la Russia riguardano invece anzitutto il problema del rispetto dei diritti umani. Per la Santa Sede questo rappresenta un capitolo irrinunciabile che non attiene solo alla sfera della libertà religiosa ma riguarda altresì il versante della difesa delle minoranze, la libertà di espressione, il divieto di ricorrere a forme di tortura e il dovere di rispettare la dignità dei detenuti. Temi dei quali non si è fatto cenno nel comunicato finale dell’incontro tra Francesco e Putin ma che certamente sono stati toccati dal pontefice nel corso del colloquio. Un secondo problema è che proprio un dialogo così intenso del Papa con Putin rischia di irritare il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che fino ad oggi è stato tenuto ad una certa distanza del nuovo pontefice. Pesano le scelte del presidente democratico sul fronte della riforma sanitaria che il Vaticano e i vescovi americani hanno contrastato. Senza dimenticare la decisione, dal forte valore simbolico, di chiudere la storica sede dell’ambasciata Usa presso il Circo Massimo a Roma per trasferirla accanto all’ambasciata americana presso l’Italia. Insomma il feeling tra Bergoglio e Putin, che si fanno fotografare mentre baciano entrambi l’icona della Madonna di Vladimir donata dal presidente russo al Papa, contrasta con la freddezza nei rapporti tra Stati Uniti e Santa Sede. Così come non è da sottovalutare la preoccupazione di Israele per un avvicinamento troppo stretto tra la prima e la terza Roma (il Vaticano e Mosca).

Un problema analogo si presenta nei confronti del mondo ortodosso greco, in particolare del patriarca di Costantinopoli Bartolomeo con il quale Francesco dovrebbe incontrarsi nel maggio prossimo, se riuscirà ad andare a Gerusalemme, per ripetere lo storico abbraccio tra Papa Paolo VI e il patriarca Atenagora mezzo secolo fa, nel 1964. Kirill rappresenta un ricco e temibile concorrente per Bartolomeo in seno all’ortodossia. Il Patriarca di Mosca di fatto contende la leadership del mondo ortodosso al Patriarca ecumenico di Costantinopoli; per Bergoglio questo è un motivo in più per essere prudente nelle aperture verso Mosca.

Si tratta dunque di una partita diplomatica e religiosa estremamente complessa che Papa Francesco giocherà nei prossimi mesi. In palio c’è una ridefinizione dei rapporti di forza nell’universo cristiano. ( e del mondo, ndr)