Posts contrassegnato dai tag ‘Pci’

testata_avanti.png
A Bersani non basta nemmeno la Legge Truffa

“SI LEVI IL MONITO CONTRO I RUBA SEGGI!”
(L’Unità, marzo 1953)

“VOGLIONO LEVARCI LA VITTORIA”
(Bersani, novembre 2012)

 La prima pagina dell’Unita del Marzo 1953

Pubblichiamo di seguito l’appello dell’Unità del 1953 per chiamare alla mobilitazione generale contro il premio di maggioranza previsto dalla cosiddetta Legge Truffa (De Gasperi-Scelba) che attribuiva seggi alla coalizione già forte del consenso della maggioranza assoluta degli elettori, il 50 per cento più uno. Al comunicato seguirono manifestazioni e un sciopero generale della Cgil.
Cosa sarebbe successo oggi – a parti rovesciate – se anziché il 40-42,5 per cento come quorum per il premio, si fosse riproposta la legge del ’53, che premia chi ha la maggioranza e non chi non ce l’ha? Una rivoluzione contro il principio della sovranità popolare?
Se la preoccupazione di Bersani è il problema della governabilità, questo lo risolse a suo tempo Benito Mussolini con la Legge Acerbo….

La riproponga: l’Avanti! si schierebbe con Pertini (firmatario dell’appello) di nuovo con l’Unità ed il Pci.

Comunicato congiunto PCI-PSI
(Unità, Marzo 1953)

L’assemblea nazionale degli eletti del popolo ha impegnato i consiglieri e gli amministratori comunali e provinciali, i membri delle Assemblee regionali e i deputati e senatori dell’opposizione a mantenere in questi giorni un costante contatto con gli elettori e a dare tutta l’opera loro per far conoscere largamente le deliberazioni del convegno.

E’ necessario che nelle apposite assemblee e in tutti i comizi e conferenze che si terranno in questi giorni, qualunque sia il motivo delle convocazioni, gli eletti del popolo illustrino l’azione dell’opposizione in Senato, denuncino i tentativi di sopraffazione della maggioranza governativa e chiamino i cittadini a levare la loro protesta contro la legge truffa. Tutti i cittadini italiani devono essere messi in grado di conoscere la gravità del tentativo governativo e sapere che il loro monito e la loro dichiarata volontà di condannare con il voto la truffa e gli illegalismi governativi, possono impedire che il governo riesca nell’intento che si prefigge con la legge elettorale Scelba.

Pago 30 compro 55.
Questa la democrazia del Porcellum
IL VERO E IL FALSO SULLA LEGGE ELETTORALE

di Felice Besostri

Una maggioranza trasversale di PdL, Lega Nord, UdC, FLI e Api ha fissato al 42,5% la soglia per aver diritto al premio di maggioranza del 12,5%. Scandalo!

Chiaramente questa maggioranza vuole impedire che la coalizione PD-SEL-PS ( nel frattempo allargata a pezzi della FdS) vinca , in carrozza , le prossime elezioni: Bersani l’ha capito subito e ha denunciato le manovre. Manovre, perché sono più d’una.

I terzi polisti devono rendersi indispensabili per il futuro governo.

L’ex maggioranza, invece, vuole impedire che si formi una maggioranza stabile e rientrare in gioco, forse in un governo di unità nazionale.

Ci sono poi i nostalgici anticipati di un Monti bis, sparsi un po’ dovunque. Perché prendersela con la spuria maggioranza e meno con il proponente dell’emendamento Rutelli, uno dei fondatori del PD?. Gli scrupoli del relatore Malan gli fanno onore, se sono confessione un po’ ipocrita e tardiva, di aver approvato il porcellum nel 2007 e nel 2009, ma d’accordo con PD e IdV, una scandalosa legge elettorale europea, con lo scopo dichiarato di impedire che rientrassero in gioco le forze politiche escluse nel 2008 dal Parlamento nazionale.

La Corte Costituzionale è invocata ad ogni piè sospinto: è lei che impone di fissare una soglia. Su questo tutti d’accordo.

Nessuno, però, che spieghi perché dopo che la Corte Costituzionale aveva lanciato il suo monito nel febbraio 2008( sentenze n. 15 e 16) nessuno abbia preso un’iniziativa, anzi sono stato lasciati soli quei cittadini elettori, che hanno cercato di dare concretezza all’avvertenza della Corte impugnando il decreto di convocazione dei comizi elettorali delle politiche 2008. Anzi nel 2009 all’unanimità le Giunte delle elezioni del Senato e della Camera respinsero il ricorso del signor Ragusa, che pretendeva si desse attuazione agli auspici della Corte Costituzionale.

Solo il Presidente Napolitano lanciava avvertimenti sulla necessità di cambiare la legge elettorale, ma intanto giudici amministrativi e ordinari se ne sbattevano e si rifiutavano di rimettere la legge alla Corte Costituzionale: non soltanto la politica, come fa comodo far credere: se la prendeva comoda, siamo appena in Cassazione.

E che dire del Governo dei tecnici che non modificava di una virgola la linea del Governo Berlusconi di difesa ad oltranza della costituzionalità del porcellum? Tanto si può sempre contare sul silenzio dei mezzi di comunicazione, ad eccezione, in quattro anni, del Riformista, di Mondo Operaio e della Critica Sociale. Non si può attaccare il Senato perché non trova un accordo unanime sulla soglia o la fissa troppo alta. Nessuno vuole, si spera, fissarla al 25% come fu nella fascistissima legge Acerbo o per eccesso, persino al 50%+1 della legge truffa di centrista memoria.

Ma se era una truffa il 50%+1, ogni percentuale inferiore cos’è?.

Maggiore coerenza. Se si vuol sapere subito dopo lo spoglio chi governerà un paese, l’abbiamo visto tutti in TV il 6 novembre scorso: si adotta una forma di governo presidenziale come gli USA. Ma in Italia è un tabù, specialmente a sinistra. Non basta neppure un semipresidenziale alla francese, perché Hollande una volta eletto, ha dovuto vincere persino le legislative, aspettando un secondo turno. Bersani non ne avrebbe la pazienza.

Non si può dare la maggioranza, pardon il coraggio, a che non ce l’ha: lo sapeva persino Don Abbondio. Eppure la soluzione è semplice, basta convincere la metà di quelli che hanno deciso di non votare (secondo i sondaggi correnti) sulla bontà della propria proposta politica e programmatica per uscire dalla crisi economica, politica e morale, nella quale ci dibattiamo.

www.criticasociale.net – iscriviti online agli aggiornamenti
Direzione
RINO FORMICA –  Stefano Carluccio (direttore responsabile)Editore
Critica Sociale20100 Milano – Critica Sociale via Formentini 10, Brera.
Amministrazione: Giornalisti Editori, via Benefattori dell’Ospedale 24

Se non vuoi piu’ ricevere questa newsletter clicca qui

Annunci