Posts contrassegnato dai tag ‘obama’

In Cold War Echo, Obama Strategy Writes Off Putin

WASHINGTON — Even as the crisis in Ukraine continues to defy easy resolution, President Obama and his national security team are looking beyond the immediate conflict to forge a new long-term approach to Russia that applies an updated version of the Cold War strategy of containment.

Just as the United States resolved in the aftermath of World War II to counter the Soviet Union and its global ambitions, Mr. Obama is focused on isolating President Vladimir V. Putin’s Russia by cutting off its economic and political ties to the outside world, limiting its expansionist ambitions in its own neighborhood and effectively making it a pariah state.

Mr. Obama has concluded that even if there is a resolution to the current standoff over Crimea and eastern Ukraine, he will never have a constructive relationship with Mr. Putin, aides said. As a result, Mr. Obama will spend his final two and a half years in office trying to minimize the disruption Mr. Putin can cause, preserve whatever marginal cooperation can be saved and otherwise ignore the master of the Kremlin in favor of other foreign policy areas where progress remains possible.
“That is the strategy we ought to be pursuing,” said Ivo H. Daalder, formerly Mr. Obama’s ambassador to NATO and now president of the Chicago Council on Global Affairs. “If you just stand there, be confident and raise the cost gradually and increasingly to Russia, that doesn’t solve your Crimea problem and it probably doesn’t solve your eastern Ukraine problem. But it may solve your Russia problem.”

The manifestation of this thinking can be seen in Mr. Obama’s pending choice for the next ambassador to Moscow. While not officially final, the White House is preparing to nominate John F. Tefft, a career diplomat who previously served as ambassador to Ukraine, Georgia and Lithuania.

When the search began months ago, administration officials were leery of sending Mr. Tefft because of concern that his experience in former Soviet republics that have flouted Moscow’s influence would irritate Russia. Now, officials said, there is no reluctance to offend the Kremlin.

In effect, Mr. Obama is retrofitting for a new age the approach to Moscow that was first set out by the diplomat George F. Kennan in 1947 and that dominated American strategy through the fall of the Soviet Union. The administration’s priority is to hold together an international consensus against Russia, including even China, its longtime supporter on the United Nations Security Council.

While Mr. Obama’s long-term approach takes shape, though, a quiet debate has roiled his administration over how far to go in the short term. So far, economic advisers and White House aides urging a measured approach have won out, prevailing upon a cautious president to take one incremental step at a time out of fear of getting too far ahead of skittish Europeans and risking damage to still-fragile economies on both sides of the Atlantic.

The White House has prepared another list of Russian figures and institutions to sanction in the next few days if Moscow does not follow through on an agreement sealed in Geneva on Thursday to defuse the crisis, as Obama aides anticipate. But the president will not extend the punitive measures to whole sectors of the Russian economy, as some administration officials prefer, absent a dramatic escalation.

Continue reading the main story
The more hawkish faction in the State and Defense Departments has grown increasingly frustrated, privately worrying that Mr. Obama has come across as weak and unintentionally sent the message that he has written off Crimea after Russia’s annexation. They have pressed for faster and more expansive sanctions, only to wait while memos sit in the White House without action. Mr. Obama has not even imposed sanctions on a list of Russian human rights violators waiting for approval since last winter.

“They’re playing us,” Senator Bob Corker of Tennessee, the ranking Republican on the Foreign Relations Committee, said of the Russians, expressing a sentiment that is also shared by some inside the Obama administration. “We continue to watch what they’re doing and try to respond to that,” he said on CNN on Friday. “But it seems that in doing so, we create a policy that’s always a day late and a dollar short.”

The prevailing view in the West Wing, though, is that while Mr. Putin seems for now to be enjoying the glow of success, he will eventually discover how much economic harm he has brought on his country. Mr. Obama’s aides noted the fall of the Russian stock market and the ruble, capital flight from the country and the increasing reluctance of foreign investors to expand dealings in Russia.

They argued that while American and European sanctions have not yet targeted wide parts of the Russian economy, they have sent a message to international businesses, and that just the threat of broader measures has produced a chilling effect. If the Russian economy suffers over the long term, senior American officials said, then Mr. Putin’s implicit compact with the Russian public promising growth for political control could be sundered.

That may not happen quickly, however, and in the meantime, Mr. Obama seems intent on not letting Russia dominate his presidency. While Mr. Obama spends a lot of time on the Ukraine crisis, it does not seem to absorb him. Speaking privately with visitors, he is more likely to bring up topics like health care and the Republicans in Congress than Mr. Putin. Ukraine, he tells people, is not a major concern for most Americans, who are focused on the economy and other issues closer to home.

Since returning from a trip to Europe last month, Mr. Obama has concentrated his public schedule around issues like job training and the minimum wage. Even after his diplomatic team reached the Geneva agreement to de-escalate the crisis last week, Mr. Obama headed to the White House briefing room not to talk about that but to hail new enrollment numbers he said validated his health care program.

Reporters asked about Ukraine anyway, as he knew they would, and he expressed skepticism about the prospects of the Geneva accord that his secretary of state, John Kerry, had just brokered. But when a reporter turned the subject back to health care, Mr. Obama happily exclaimed, “Yeah, let’s talk about that.”

That represents a remarkable turnaround from the start of Mr. Obama’s presidency, when he nursed dreams of forging a new partnership with Russia. Now the question is how much of the relationship can be saved. Mr. Obama helped Russia gain admission to the World Trade Organization; now he is working to limit its access to external financial markets.

But the two sides have not completely cut off ties. American troops and equipment are still traveling through Russian territory en route to and from Afghanistan. Astronauts from the two countries are currently in orbit together at the International Space Station, supplied by Russian rockets. A joint program decommissioning old Russian weapons systems has not been curtailed.
Nuclear inspections under the New Start arms control treaty Mr. Obama signed in his first term continue. The Air Force still relies on rockets with Russian-made engines to launch military satellites into space, although it is reviewing that. The United States has not moved to try to push Russia out of the W.T.O. And the Obama administration is still working with Russia on disarming Syria’s chemical weapons and negotiating a deal with Iran to curtail its nuclear program.

“You can’t isolate everything from a general worsening of the relationship and the rhetoric,” said Graham Allison, director of the Belfer Center for Science and International Affairs at Harvard University and an adviser to multiple administrations on Russia and defense policy. “But there’s still very high priority business that we have to try to do with Russia.”

Still, the relationship cannot return to normal either, even if the Ukraine situation is settled soon, specialists said. “There’s really been a sea change not only here but in much of Europe about Russia,” said Robert Nurick, a Russia expert at the Atlantic Council. “A lot of the old assumptions about what we were doing and where we were going and what was possible are gone, and will stay that way as long as Putin’s there.”

Mr. Nurick said discussion had already begun inside the administration about where and under what conditions the United States might engage with Russia in the future. “But I can’t imagine this administration expending a lot of political capital on this relationship except to manage it so that the other things they care about a lot more than Russia are not injured too badly,” he said.

Annunci

CRIMEA, ARRIVANO LE SANZIONI

Images

Dopo meno di 24 ore dal referendum che ha sancito la secessione della penisola da Kiev, Usa e Ue fanno scattare le prime sanzioni nei confronti di Mosca. Nel mirino finiscono i «fedelissimi» di Putin, militari e politici (russi e ucraini) che avrebbero lavorato per riportare la Crimea sotto il controllo russo.

Le liste Gli elenchi stilati da Usa e Ue sono diversi. Undici i nomi compresi nell’elenco americano, 21 in quello europeo (vedi elenco)
Le sanzioni Barack Obama ha spiegato che «contro Mosca è calato l’isolamento internazionale», che «nessuno riconosce il referendum in Crimea» e che le sanzioni decise sono «le più ampie e complete misure applicate contro la Russia, dopo la fine della Guerra Fredda». In realtà Usa e Ue per ora si sono limitati a congelare i beni e a bloccare i visti. Non solo, ma le misure non colpiscono né politici di spicco, né grandi oligarchi.

Qui Putin Per tutta il risposta il presidente russo ha firmato il decreto che riconosce la Crimea come Stato indipendente (Bbc). Ma, secondo il presidente di turno dell’Osce, lo svizzero Didier Burkhalter, avrebbe anche dato un via libera di massima per una missione di osservatori dell’Organizzazione nella penisola. Un segnale che sembrerebbe lasciare aperta una soluzione diplomatica della crisi.

Minacce Gli Usa fanno sapere che presto potrebbero arrivare altre sanzioni, la Francia starebbe valutando l’annullamento della fornitura alla Marina russa delle portaelicotteri di classe “Mistral”. Anche il Giappone annuncia un pacchetto di sanzioni contro la Russia.

Business is business E mentre i governi occidentali provano a fermare l’avanzata di Putin, gli affari proseguono. I russi di Rosneft hanno investito 500 milioni per il controllo del 13% di Pirelli (Repubblica), mentre la tedesca RWE ha chiuso un accordo per cedere la sua controllata DEA (attiva nel settore degli idrocarburi) al magnate russo Mikhail Fridman (Reuters).

Anche gli USA rischiano il BANG!

Pubblicato: 24/09/2012 in review
Tag:, , ,

E’ facile dire che il deficit è “qualcosa che possiamo affrontare in seguito”. Ma si finisce per essere come il personaggio di Hemingway che alla domanda “Come hai fatto a finire in bancarotta?” Rispose: “In due modi. Gradualmente, poi improvvisamente.”
Per la maggior parte del tempo i deficit non sono considerati un problema. Molte famiglie, imprese e governi fanno crescere il debito e prendono in prestito denaro per evitare di dover ridurre i loro stili di vita. In realtà il problema non è l’immediato deficit, ma il debito totale. Se il debito è contenuto e il flusso di cassa è positivo, allora il deficit può essere una buona cosa. In sostanza, genera benefici il debito che viene investito in attività che producono reddito o in infrastrutture che rendono una famiglia, un’impresa o una nazione più efficiente nel modo di lavorare.
E’ quando il totale del debito diventa troppo grande che la sua gestione diventa un problema. Quando cioè i finanziatori chiedono ulteriori garanzie o interessi maggiori e, in seguito, se il debito non viene messo sotto controllo sospendono i prestiti. Per un paese ciò significa il crollo del suo mercato obbligazionario.
In un libro che abbiamo citato spessp, This Time Is Different, Ken Rogoff e Carmen Reinhart elencano oltre 200 casi in cui le nazioni hanno avuto una crisi del credito. Un elemento che sottolineano è che le nazioni sembrano in grado di prendere in prestito soldi fino a quando arriva il cosiddetto “Bang Moment”: a quel punto il mercato obbligazionario non funziona più. Fino ad allora coloro che sono a favore di un maggior debito sostengono che “questa volta è diverso”, ma non è mai così.
Nelle prime pagine di Anna Karenina di Lev Tolstoj, si legge: “Le famiglie felici sono tutte uguali, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo.” Anche i governi e le nazioni che hanno problemi di debito ci arrivano con un loro percorso individuale. La Spagna dice: non siamo la Grecia. E certamente non lo è. La Spagna ha intrapreso un percorso completamente diverso nella sua crisi del debito rispetto a ciò che ha fatto la Grecia. Anche la Francia, sostiene di non essere né la Grecia né la Spagna (né l’Italia né il Portogallo, ecc.), ma si trova nella situazione di dover riequilibrare rapidamente le proprie finanze (pare in maniera massiccia). Si può ritenere che i francesi metteranno a punto un altro modo per affrontare una vera e propria crisi del debito, con i vigilantes obbligazionari alla loro porta.
E’ un processo che ho descritto in Endgame. Gran parte dell’Europa sta affrontando una crisi del debito. Non sarà un lieto fine. La Spagna e la Grecia sono inciampate in quella che è a tutti gli effetti una depressione. Gran parte del resto d’Europa o è in recessione o al punto di non ritorno, e una depressione su scala continentale è ancora possibile. In parole semplici, l’Europa meridionale (insieme all’Irlanda) ha preso in prestito troppo denaro (per motivi diversi), ancora adesso tutte le banche europee hanno troppa leva (con la benedizione delle autorità di regolamentazione), e così in Europa ci sono enormi squilibri commerciali interni.
E’ impossibile riequilibrare il deficit di bilancio mentre vi è un deficit commerciale enorme, soprattutto se vi è una fuga di capitali. Una svalutazione dei cambi è il meccanismo di normale bilanciamento per un deficit commerciale ma non è attuabile per la Grecia, la Spagna e gli altri fintanto che rimangono nella zona euro. Questo porta a un significativo cambiamento nel costo del lavoro come l’unico modo per riequilibrare la situazione. Ma tale soluzione non può avvenire rapidamente nei paesi periferici senza riforme strutturali politicamente “impossibili”. La zona euro non ha facili scelte da fare. Non importa quello che (come collettività l’Europa e i singoli paesi) sceglieranno di fare, questo porterà anni di estreme difficoltà economiche.
Il Giappone, come sono solito dire, è un moscone alla ricerca di un parabrezza. Hanno tramutato i risparmi di due generazioni nel più grande debito che sia mai stato contratto per un paese, almeno tra quelli che conosco. Si avvicina al 220% del PIL ed è in aumento a un ritmo prodigioso, circa il 10% nel 2011. Si è passati da un tasso di risparmio del 16% a circa l’1%, in gran parte a causa di un invecchiamento della popolazione che ora vive senza risparmiare.
Quando i tassi di risparmio diventeranno negativi e la situazione demografica sarà più incerta, il Giappone potrà essere costretto a pagare tassi di interesse più elevati o a stampare enormi quantità di yen o tagliare la spesa pubblica per importi altrettanto enormi. Tutte queste opzioni sono molto negative nel breve termine. Se i tassi di interesse aumentano di appena un 2%, il Giappone dovrebbe utilizzare nel giro di pochi anni enormi somme per ripagare gli interessi passivi. Questo non è un modello di business perseguibile. Oggi, non possiamo entrare nel merito delle elezioni di fine mese in Giappone, ma saranno importanti.

L’eccezione americana

Il deficit degli Stati Uniti continua ad aumentare. Egan-Jones Ratings Co. venerdì 14 settembre ha declassato il rating sovrano degli Stati Uniti ad AA- da AA sulle preoccupazioni di un nuovo round della Fed di quantitative easing o QE3. L’agenzia di rating ha detto che il piano della Fed di acquistare 40 miliardi di dollari al mese di titoli garantiti da ipoteca e di mantenere i tassi di interesse vicino allo zero non aumenterà il PIL, ma ridurrà il valore del dollaro e farà crescere il prezzo delle materie prime. Egan-Jones ha scritto che “dal 2006 ad oggi, il debito degli Stati Uniti è aumentato dal 66% al 104% e sotto determinate circostanze entro un anno il debito salirà al 110%, il deficit di bilancio annuale è pari all’8%. In confronto, la Spagna ha un debito pari al 68,5% del PIL e un deficit di bilancio annuo del 8,5%.” (MarketWatch)
(Per quel che vale, non viene considerato come debito il “Social Security Trust Fund”, in quanto è una finzione contabile. Così, secondo me, il debito è leggermente minore di quello di Egan-Jones, mentre è giusto il dato sul deficit.)
Non vi è un punto predefinito in cui il rapporto debito /PIL è tale per cui una nazione perde la capacità di poter prendere in prestito del denaro a tassi ragionevoli. Per la Russia è stato del 12% nel 1998. Per il Giappone è al 220%. Spagna ha perso l’accesso ai mercati senza gli interventi della BCE a meno del 68%. L’Italia è al 120% e ha visto i suoi tassi aumentare fino a livelli che non possono essere sostenuti.
Ad un certo punto se una nazione non tiene il suo debito e il suo deficit sotto controllo, perderà l’accesso al mercato delle obbligazioni a prezzi ragionevoli. Non ci sono mai state eccezioni. C’è un punto in cui il mercato obbligazionario comincia a preoccuparsi per la capacità di un paese di ripagare il suo debito con una valuta che ha un valore inferiore rispetto a quando gli è stato prestato il denaro, e quindi i tassi di interesse cominciano a salire.
Non vi è alcun motivo di pensare che gli Stati Uniti saranno una eccezione a questa regola.
Perché penso che il deficit sia un problema? Perché non possiamo aspettare altri quattro anni, fino a quando anche gli Stati Uniti potrebbero perdere l’accesso al mercato obbligazionario con tassi d’interesse bassi? Sarebbe davvero un disastro?
In primo luogo, in un mondo senza Europa o Giappone, gli Stati Uniti potrebbero probabilmente per l’ultima parte di questo decennio registrare disavanzi di grandi dimensioni. Abbiamo una valuta utilizzata come riserva nel mondo, noi siamo la superpotenza, il motore del libero mercato, ecc.
Ritengo che l’Europa possa scontrarsi con un vero e proprio muro entro la fine del 2013 o la metà del 2014, se non prima. Lo stesso vale per il Giappone. Temo che gli operatori dei mercati obbligazionari prenderanno atto delle loro perdite in Europa e in Giappone e diranno al governo degli Stati Uniti qualcosa del genere:
“Abbiamo già visto i film per quanto riguarda il debito europeo e giapponese. Che non ha avuto un lieto fine. Il film del debito degli Stati Uniti sembra basato sulla stessa sceneggiatura, quindi se non vi dispiace, dal momento che sappiamo come finirà, ci prepariamo ad uscire durante l’intervallo”.
A mio parere, il disavanzo andrà affrontato nel 2013. Se aspettiamo fino al 2014, saremo nel bel mezzo di un’altra elezione. Come vedremo di seguito, la soluzione del deficit sta portando a compromessi politicamente impopolari per una o entrambe le parti. E mentre sono ottimista sul fatto che si possa fare qualcosa nel 2013, sono risoluto nel pensare che il 2014 sarebbe politicamente più problematico.
Entro il 2015 il debito sarà ben superiore al 90% del PIL. E vi è una crescente evidenza che quando il debito di un paese arriva al 90% il PIL rallenta di circa l’1%, il che rende più difficile trovare la via d’uscita dal debito.
In quel momento i tassi di interesse cominciano a salire e questo rende ancora più difficile il pareggio di bilancio. Sì, lo so, la Fed può mantenere i tassi bassi e stampare moneta, ma la stampa di denaro in quantità illimitata non è una strategia volta a rafforzare la fiducia dei mercati obbligazionari in termini di valore del dollaro.
Non solo la ricerca di Rogoff e Reinhart, ma anche numerosi altri studi, indicano che quando la fiducia svanisce, a quel punto si innesca un processo abbastanza veloce. E infatti quello è il momento del Bang!.
Se i tassi cominciano a crescere, forse il Congresso sarà costretto a fare qualcosa. Ma a quel punto, sarà il momento per maggiori imposte e profondi tagli nessuno è in grado di immaginare. Le cose non possono andare più avanti così, il peggior risultato finale sarà una ristrutturazione.
Abbiamo spesso detto che prendere denaro a prestito crea un problema per i nostri figli. E questo è vero. Ma questo crea anche un problema per questa generazione.
Gran parte dell’Europa e il Giappone stanno per cadere in depressione a causa della loro mancanza di volontà nell’affrontare i deficit e i problemi strutturali. Il 25% di disoccupazione è una brutta realtà che si sta diffondendo in tutta l’Europa meridionale. Il Giappone dovrà affrontare la propria versione di una crisi del debito, e credo che il risultato sarà una significativa inflazione data dai suoi prezzi di importazione e un calo del tenore di vita dei suoi anziani.
Forse mi sbaglio e gli Stati Uniti possono andare avanti per altri quattro anni prima di raggiungere il momento del Bang!. A volte le cose possono andare avanti più a lungo di quanto si possa pensare, per ragioni che (almeno io) non capisco. Ma l’attesa non rende le cose più facili. I piani previsti sono in costante peggioramento, e i costi per gli interessi saranno di altri 80 miliardi di dollari l’anno per il debito aggiuntivo. Cercando di risolvere il problema tra quattro anni si presuppone che le decisioni saranno ancora più difficili di oggi.

Il costo di gestire il deficit

Cerchiamo di essere chiari. Per ragioni sulle quali ho scritto a lungo ci sono dei costi molto significativi da sostenere per ridurre il deficit. Questo avrà un impatto sull’attuale PIL annuale. Certamente non desidero che sia raggiunto l’equilibrio di bilancio in un solo anno o anche in pochi anni. Mi farebbe piacere suggerire un taglio di non più del 1% del PIL all’anno, pari a circa $150 miliardi di dollari. Così quel poco di crescita che rimane può produrre qualche beneficio.

I tagli alle tasse o gli aumenti hanno un impatto sull’economia. Cito un articolo preso da Forbes:

“Un’importante analisi fatta dal primo Consiglio dei Consulenti Economici (CEA) del presidente Barack Obama segnala che gli aumenti fiscali proposti dal presidente avrebbero ucciso la ripresa economica e portato quasi 1 milione di americani a rimanere senza lavoro. Queste sono le straordinarie implicazioni della ricerca accademica di Christina D. Romer che ha presieduto la CEA dal 28 gennaio 2009 – al 3 settembre 2010. In un documento dal titolo “The Macrcoeconomic Effects of Tax Changes” pubblicato dalla prestigiosa American Economic Review nel giugno del 2010 (durante il suo mandato alla Casa Bianca), Romer ha dichiarato che: “Sembra che nel breve gli aumenti fiscali abbiano un ampio, sostenuto e un fortemente negativo impatto sulla crescita”.

“L’articolo della AER ha avuto come co-autore il marito e collega professore di Berkeley, David H. Romer, che ha esaminato l’impatto degli aumenti fiscali e le conseguenti riduzioni della crescita economica degli Stati Uniti nel periodo 1945-2007. Uno degli aspetti più innovativi presenti nel documento è la focalizzazione sui cambiamenti “esogeni” generati dalle imposte, cioè quelle variazioni delle imposte che avevano sia lo scopo di aumentare il tasso di crescita economica (e non solo di frenare la recessione) come i tagli fiscali di Kennedy, Reagan e Bush, che di ridurre il deficit di bilancio come ad esempio l’aumento delle imposte di Clinton. Sono state escluse dall’analisi solo le modifiche fiscali “endogene” puramente anticicliche, come gli sgravi fiscali del 1975 o quelle usate solo per “compensare un altro fattore che tendeva a spostare la crescita della produzione fuori da una situazione normale”, come ad esempio l’aumento delle tasse per finanziare la guerra in Corea e l’introduzione dell’imposta sui salari per finanziare il Medicare.
“Una stima che i Romer fanno indica che un aumento delle tasse pari all’1% del PIL (circa $160 miliardi di dollari nell’economia di oggi) riduce nei successivi 10 trimestri il PIL reale del 3%. Inoltre, i Romer hanno usato una varietà di test statistici per tener conto di altri fattori che possono influenzare la crescita economica nel momento in cui vengono attuate delle variazioni fiscali, tra cui la spesa pubblica, la politica monetaria, i prezzi del petrolio, a prescindere che il Presidente fosse un democratico o un repubblicano. Una sintesi del lavoro statistico stima che un aumento delle tasse pari al 1% del PIL genererebbe nei prossimi 10 trimestri un calo della produzione tra il 2,2% e il 3,6%.
“Quindi appare molto fondata l’affermazione che i cambiamenti fiscali hanno impatti notevoli sulla crescita”.
“Il comportamento della produzione a seguito di modifiche maggiormente esogene indica che l’aumento delle tasse è fortemente restrittivo. Gli effetti sono fortemente significativi, molto importanti e molto più ampi di quelli ottenuti con misure più allargate di modifiche fiscali”.
Si continua sottolineando che “Nel bilancio 2013 il presidente Obama ha proposto $103 miliardi dollari di aumento delle tasse, di cui 83 di maggiori imposte sul reddito di coloro che guadagnano più di 250.000 dollari l’anno, pari a circa lo 0,65% del PIL. Utilizzando la stima di base di Romer questa scelta dovrebbe ridurrebbe il PIL reale del 2% nei prossimi 10 trimestri. Sulla base della relazione generale tra la crescita economica e la disoccupazione, un calo della produzione implica una perdita di oltre 800.000 posti di lavoro.”

(Nota: Ci sono quelli che non sono d’accordo e spesso anche in modo vigoroso con le conclusioni del documento, ma per quanto sappia non offrono alcuna contro analisi dei dati. Romer si è dimesso meno di due mesi dopo aver pubblicato il documento.)

Le semplici nozioni di contabilità economica e la ricerca accademica indicano che i tagli di spesa avranno un effetto di contrazione del PIL per circa 4-5 trimestri. Ma se si taglia l’1% l’anno per 5 anni, ma a quel punto si è ridotto il PIL potenziale dell’ 1% l’anno per 5 anni, il che non aiuta la crescita di posti di lavoro.
Naturalmente se gli Stati Uniti perdessero l’accesso a basso costo al mercato obbligazionario, sarà un disastro ancora peggiore rispetto alla perdita dei posti di lavoro. Questa è la natura dell’Endgame, quando il superciclo del debito è nelle sue fasi finali. Non ci sono scelte facili. In questo momento gli Stati Uniti hanno di fronte solo alcune scelte molto difficili. Se aspetteremo troppo a lungo nell’affrontarle, ci troveremo di fronte le scelte disastrose dell’Europa.

Buona settimana.

http://italiantradingforum.com/assets/images/documents/113_2012/mauldinfirma.gif

Maurizio Montalbetti
ALIAS SRL | Via Carroccio, 6 | 20123 Milano
Phone : +3902303041.209 | Fax: +3902303041.210
E-mail: m.montalbetti |

image001.gif@01CD9814.FC46AAF0