Posts contrassegnato dai tag ‘crisi’

President Harry Truman’s words ring loud at the first-ever televised presidential address from the White House on Oct. 5, 1947: “It is logical that the United States should do whatever it is able to do to assist in the return of normal economic health to the world, without which there can be no political stability and no assured peace.” (Photo: pdxretro.com)
After a decade of financial struggle and a severe crisis in Europe that caused a massive ripple effect around the world, the United States found itself engaging in unprecedentedly loose monetary policy to finance public debt. You might have guessed I was describing the economy at the start of 2013, but despite financial prognostications that 2013 will be a good year for the U.S. economy, the parallels between the U.S. economy in 1947 and in 2013 are quite stark.
The history
During and immediately after World War II, the Fed maintained extremely low interest rates in order to reduce war-financing costs for the government. As these policies became unnecessary and inflationary after the war, the Fed was compelled by the Treasury to maintain the low cost of debt. The result of this highly accommodating monetary policy was 14 percent inflation in 1947 and rising unemployment that persisted into the early 1950s.

Throughout this period, a series of battles took place between the Fed and the Treasury, with Congress coming to the Fed’s aid and President Harry Truman backing the Treasury. These battles were marked by high political theater when newly elected Senator Paul Douglas (D-IL) held hearings to determine that the benefits of avoiding inflation were great enough to justify giving the Federal Reserve the freedom to raise interest rates, even though this increased the cost of servicing federal debt. Essentially, Senator Douglas clarified that controlling inflation trumped controlling federal debt. The White House and the Treasury rejected this assertion and continued to pressure the Fed to maintain low interest rates by citing the need to finance the Korean War.
As high inflation persisted all the way through 1950, Fed officials grew weary of political roadblocks to sound monetary policy and requested a meeting with the president. On Jan. 31, 1951, the entire Federal Reserve Board met with President Truman. At the conclusion of the meeting the President released the following statement: “The Federal Reserve Board has pledged its support to President Truman to maintain the stability of Government securities as long as the emergency lasts.” The Fed Board had agreed to no such thing, and in the ensuing days financiers and economists from around the country came to their aid. When it was announced that CPI rose 14 percent yet again, Secretary of Defense James Forrestal was so alarmed with the rising costs of fighting the Korean War that he expressed support for the Fed to rein in inflation. This ultimately led to the 1951 Fed-Treasury Accord that is commonly believed to have granted the Fed independence. However, throughout the remainder of the Truman administration, Fed policy did not dramatically change. It was not until Eisenhower took office with a Fed-friendly Treasury and the end of the Korean War in 1953 that the Fed began to fight inflation in earnest.
Present day
This history provides an apt parallel to monetary policy in 2013. Many commentators have been claiming for months or even years that Fed policy is creating inflation or even hyperinflation. As of yet these predictions have not come true, but inflation expectations have certainly risen, and the amount of liquidity in the system creates the potential for high inflation. This parallel leaves us with two lingering questions: When will we hit the 1947 wall? And will the Fed be willing and able to act quickly and autonomously to rein in this inflationary pressure?
At this point, it remains unpredictable when the United States will hit the wall causing inflation to rise. However, with Europe slowly stabilizing, China resuming high single-digit growth, Japan engaging in stimulus and the U.S. real estate market rebounding, it appears as though the U.S. economy has turned a corner and may now be headed for the inflation so many hawks have feared. If this is the case, it is worth noting that there are pros and cons to driving down the value of the dollar and diminishing the U.S. debt load in real terms, but such a policy creates winners (debtors) and losers (creditors), as Menzie Chinn and Jeffry Frieden have explained. And if inflation does pick up, questions remain about if, when and how the Fed will engage to slow it.
The 1947 case demonstrates that Fed independence is a necessary prerequisite for stemming the inflationary tide. While some inflation hawks may question whether the Fed (or at least the Bernanke Fed) will ever be willing to tighten monetary policy and combat inflation, given the way in which stimulative policies have been begrudgingly adopted, indications suggest that Fed policymakers would be willing to stem the tide of inflation should significant pressure arise.
Inflation and independence
1947 provides a cautionary tale about the dangers of prioritizing U.S. debt reduction over sound policies to promote economic growth. Unlike 1947, we now have an independent central bank that is willing and able to constrain inflation, but that is not the only policy choice before us today. As Congress and the president face the fiscal cliff, they should recall the Douglas hearings and promote a policy compromise that prioritizes promoting economic growth more than limiting government debt. When President Eisenhower took office in 1953, he engaged in massive fiscal stimulus coupled with tighter monetary policy, and it led to the most economically productive decade in American history, the 1950s. If we can recreate that kind of policy magic and allow the Fed to resume its usual role of dance chaperone taking away the punch bowl, rather than DJ trying to get the party started, then sustained economic growth will aid in deficit reduction and the economy will benefit in the long term.
Evan A. Schnidman is a Ph.D. candidate at Harvard University studying how politics and finance play a role in central-bank decision making. He is also the founder and primary author of FedPlaybook.com, a central bank forecasting and analysis resource for investors.

Annunci

Siamo in guerra.
 Dentro una strana guerra: economica, non violenta, “civile” e per questo diversa da quelle del passato.

Soprattutto una guerra economica. Ma pur sempre una guerra!

Possiamo perderla, questa guerra, se per paura accettiamo di farci colonizzare, se nel 2013 votiamo per dare il nostro richiesto consenso al nostro assistito suicidio.

Da quando hanno deciso di “salvarci”, sottomettendoci ad una cura che loro chiamano “distruzione creatrice”, abbiamo infatti in Italia troppe tasse e troppa paura.
 Un conto è tassare il reddito prodotto, un conto è impedire con le tasse che il reddito sia prodotto. Se continuiamo così, di sicuro vincono solo la speculazione internazionale e l’industria straniera, perché il contagio finanziario si sta già trasmettendo dal bilancio pubblico a quello delle banche, che di riflesso strozzano le nostre imprese, così destinate ad essere chiuse o spiazzate o comprate dalla concorrenza estera.

L’Italia è (ancora) enormemente ricca, più ricca di quanto si dice agli italiani. E fuori si ammette che è proprio per questo, che ci si vuole colonizzare.

Cosa fare, per uscire dalla trappola, per spezzare la catena della nostra sopravvenuta dipendenza dalla speculazione finanziaria internazionale, per farlo senza patrimoniali o prestiti forzosi o svendite disastrose? Anzi, all’opposto, lasciando i soldi nelle tasche degli italiani?  E’ quanto specificamente scritto nello sviluppo di questo “Manifesto”.

METTERE IN SICUREZZA IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO

Serviranno ancora sacrifici, ma questi avranno un fine ed una fine e sarà proprio per questo che gli italiani lo capiranno.

Sacrifici, certo, ma non per fare guadagnare gli altri, piuttosto per mettere davvero in sicurezza l’Italia e gli italiani.

Gli altri partiti, i vari movimenti politici, litigano su tutto, litigano sul mobilio o lo rottamano, mentre la casa crolla sotto i colpi della speculazione finanziaria.

Messa in sicurezza l’Italia, l’economia italiana può essere fatta ripartire.

Il tempo è strategico e per l’Italia il tempo è brevissimo.

Qui si propone prima di tutto – a differenza degli altri partiti – un’operazione mirata a METTERE IN SICUREZZA IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO. Un’operazione come la messa in sicurezza del debito pubblico è da fare NON con il bastone delle tasse e NON con la forza che si vorrebbe applicata ad un prestito forzoso, con un’imposta patrimoniale (demenziale e comunque controproducente per il Paese)

Bisogna bloccare l’origine dell’epidemia,  bloccando la speculazione sulla porta di casa, lasciandola fuori, via via sottoscrivendo noi stessi la quota attualmente in mani estere del nostro debito pubblico, così da chiudere il canale attraverso cui importiamo quella speculazione finanziaria che ci ha destabilizzato e che ci continua a destabilizzare.

Fino a che dura il contagio della speculazione finanziaria, ogni riforma è come costruita sulla sabbia.

Dobbiamo uscire dalla doppia trappola: speculazione finanziaria e competizione internazionale.

Non dobbiamo uscire dalla globalizzazione, ma cambiare il modo in cui la globalizzazione è entrata in Italia.

Non dobbiamo uscire dal mercato, ma restarci, evitare di esserne estromessi.

Non dobbiamo uscire dall’Europa ma restarci e per restarci occorrono ronnovate condizioni di parità, posizioni che da sempre ci competono.

Guardiamo le cose da un altro punto di vista: L’italia importa debito ed esporta risparmio.

L’Italia ha un enorme patrimonio pubblico e privato, uno dei più grandi giacimenti del mondo di risparmio. Ma lo esporta pensando di metterlo al riparo con buoni investimenti. Siamo sicuri che quelli fatti all’estero siano davero investimenti più sicuri di quelli fatti in Italia? In realtà il mondo finanziario è connesso e se per ipotesi saltasse l’Italia, salterebbe tutto il Mondo. Non può saltare la recia, figuriamoci l’Italia.

La verità è che la crisi continua a LOGORARCI e tutto ciò avvantaggia chi, da fuori, specula sull’Italia o vuole comprarsi pezzi dell’Italia, con la caduta di valore di tutti i beni posizionati nel Paese. In tal modo i titoli che gli italiani hanno ancora in tasca, privati della originaria sottostante garanzia patrimoniale ( così ome comporterebbe anche l’irrealizzabile piano dell’accorpamento del patrimonio da svendere per 400 miliardi di euro per abbattere il debito) diventeranno titoli spazzatura e la speculazione finanziaria ci devasterebbe.

Va interrotto questo ciclo perverso che alimenta il debito e la dipendenza verso l’estero, contro cui i compiti a casa non servono a niente, perchè potrebbero non finire mai.

Bisogna investire in Italia per Salvare l’Italia. Il vero Salva Italia è Compra-Italia: si tratta di un’operazione di investimento italiano basato sull’offerta, per libera sottoscrizione, di nuovi titoli pubblici emessi per scadenze e per tassi ragionevoli. Per incentivare l’investimento è essenziale un regime fiscale premiale.ad esempio, come è avvenuto per decenni (fino agli anni ’80) i nuovi titoli pubblici devono tornare ad essere esenti da ogni imposta presente e futura, esenti tanto sui frutti ( i rendimenti), quanto sul patrimonio (l’investimento fatto).

Noi oggi tassiamo gli italiani per pagare gli interessi all’estero.

Investendo su noi stessi, ricomprandoci il debito estero, aumentiamo il risparmio e il patrimonio nazionale, abbassiamo le tasse e rilanciamo l’offerta per la crescita.

Le banche italiane: per influire positivamente sul sistema finanziario si potrebbe sostituire il calcolo delle commissioni che i gestori mettono a carico degli investitori-risparmiatori oggi calcolate in percentuale sulla somma gestita, con commissioni in percentuale calcolate sul risultato reale netto ottenuto. Si vedrà così che anche i gestori avranno convenienza a consigliare investimenti sicuri e con reddito certo costituito dalle nuove emissioni Compra-Italia.

In questo quadro se il patrimonio pubblico va certamente venduto, una parte del ricavato può essere usata per rendere più appetibile il rendimento dei Titoli sul Debito estero, con bonus fiscali esentasse o earn-out.Dipende solo da noi, si salva l’Italia se si investe in Italia anzichè all’estero.

E la quota di debito estero residua proprio per dimostrare che l’Italia ha fiducia e dà fiducia, può essere, per attrazione, privilegiata

Se vogliamo fare un bilancio della Prima e della Seconda Repubblica, ci aiutano i numeri. I quasi 50 anni della Prima Repubblica hanno fatto 830 miliardi di euro di debiti, che però erano patrimonializzati, e l’Italia aveva le banche e l’Iri. La Seconda Repubblica ha fatto 1.170 miliardi di debiti in 20 anni. Il teatrino della politica dove stava? Dal Dopoguerra a Tangentopoli gli italiani hanno potuto comprarsi le case e fare dei risparmi, mentre oggi stiamo assistendo a un impoverimento generale del Paese. Io che sono un rottame da Prima Repubblica pretendo che la Seconda ci restituisca l’onore.

20120926-233430.jpg