Il Canto dei lavoratori del 1 Maggio (quelli senza le brioches dei liberali)

Pubblicato: 02/05/2012 in daily
Tag:,

Nel 1898 Filippo Turati, autore del testo, venne condannato a dodici anni di reclusione in occasione dei moti del pane di Milano, repressi nel sangue.

L’accusa fu di sobillazione , assolutamente inventata in quanto lui stesso si era prodigato per scongiurare una rivolta, i cui scopi gli parevano poco chiari. “Non fate dimostrazioni – disse – , sarebbero il pretesto ad una repressione feroce” che puntualmente avvenne.
Tra le imputazioni ci fu anche quella di aver scritto i versi del Canto dei lavoratori, l’inno del partito operaio da lui fondato nel 1892 (divenuto successivamente il Partito Socialista Italiano) : “Sono come eccitanti all’odio di classe”, confidò anni dopo all’amico Treves: chi veniva colto a cantarlo in pubblico veniva condannato a 75 giorni di carcere.

La musica fu composta dal maestro Amintore Galli, e la prima esecuzione pubblica avvenne a Milano il 27 Marzo 1886 nel salone del Consolato operaio, in via Campo Lodigiano, ad opera della Corale Donizetti.
L’inno ebbe subito una grandissima diffusione, e fu tra i più amati dai lavoratori italiani.ascolta lamusica e leggi le quartine

20120502-005200.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...